giovedì 6 agosto 2009

Ora dei gavettoni sul prato

Una sera d'estate, con tanto di luna piena sul mare che continua la solita cantilena sulla riva. Sembrava un quadro, un momento di perfezione tanto che ci si domandava se fosse possibile ma -ma- a rovinare il tutto una figura che si muove, zoppicando, barcollando, a piedi nudi sulla spiaggia. Sembrava una danza, ma una di quelle danze con un fascino diverso, ondeggiante, libero da ogni schema. Il riflesso della luna sulla bottiglia vuota che portava in mano, con il suo ondeggiare grazioso. Si ferma. Faccia a faccia con il mare. Che fermo non sta.
No, non è pazza. E' solo giovane. Ci si passa tutti, prima o poi. Si barcolla a piedi nudi sulla spiaggia di sera senza un perchè, si vive cercando di capire il perchè della vita, senza capirlo mai. Tutto qui.

2 commenti:

  1. Sai che mi mancava leggerti? E noto anche qualcosa di diverso in come scrivi...

    Ti terrò d'occhio ;-)

    RispondiElimina
  2. Laura: Mi fa molto piacere. ;-)

    RispondiElimina